Red Carpet Agenzia di comunicazione a Rimini

Red Carpet – Agenzia di comunicazione

Red Carpet Comunicazione

Il lavoro del consulente di E-Commerce: Preventivi E-commerce

Il lavoro del consulente di E-Commerce: esempi di preventivi!

Insieme verso l’e-commerce. Ovvero: il lavoro del consulente di E-Commerce.

Sono passati alcuni giorni dal mio articolo sui consigli per le pmi e il web marketing e devo dire, con soddisfazione, di aver avuto un ottimo riscontro.

Sono stato contattato da alcune belle aziende che stanno partendo con dei progetti di web marketing per i loro e-commerce. Alcune hanno già un sito altre no.

Quello che mi hanno chiesto è di accompagnarli nelle richieste e nel controllo di quanto stanno facendo le loro agenzie web. Una meraviglia, questo è il lavoro del consulente di E-Commerce!

Ed ecco subito degli esempi di magagne che, vi chiedo di leggere con attenzione in modo da non cadere negli stessi problemi.

In particolare ho avuto modo di controllare due preventivi e voglio condividere con voi alcune voci in modo che si possa capire appieno quello che bisogna controllare e quello che deve essere discusso PRIMA della firma di un contratto magari affiancati da un consulente di E-Commerce.

  1. A fine contratto, sotto il costo della realizzazione del sito c’è scritto: 1500 euro (barrato) creazione pagine sui principali social e creazione di campagne di coinvolgimenti degli iscritti.

In pratica, in omaggio, ci regalano la creazione delle pagine sui principali social! Wow… e costerebbe, normalmente 1500 euro! Quali social? non si sà. Per quale mercato di utenza? nessuno ne ha mai discusso.
Inseriranno dei contenuti? No, chiaramente e… quindi? Mi confermano che faranno delle campagne ppc per fare degli iscritti. Alla mia domanda sul perché di questa azione mi è arrivata la risposta che tutti sono sui social e quindi dobbiamo esserci anche noi. Con quali risultati e perché non è dato saperlo.

2. Ottimizzazione seo 2000 euro in più rispetto al preventivo.

Cosa vuol dire? che se non lo pago il mio sito non verrà indicizzato? se non lo pago mettono NOINDEX NOFOLLOW su tutte le pagine? e soprattutto, se lo pago, cosa faranno? La risposta è che la strategia seo è un lavoro che svolgono da anni con ottimi risultati (quali non è dato saperlo) e che rientra nelle proprietà intellettuali dell’agenzia. Non sapremo mai a cosa faranno e come potremmo controllare… è chiaro che una PMI che non ne ha idea aggiunge questa voce. Peccato, potevamo investire meglio questa cifra.

3. Creazione di campagne ppc su Google per generare traffico (al costo di 600 euro) in cui faranno un account su adwords e prepareranno una serie di annunci, quanti non si potrà sapere poi utilizzeranno ben 100 euro per l’avvio della campagna, il resto è a carico dell’e-commerce.

Non so se lo sapete ma, le agenzie che sono Google Partner, solitamente, hanno sempre un buono di un 100 euro per i nuovi clienti. Quindi vi stanno chiedendo 600 euro per preparare le campagne e utilizzeranno il buono di google. Non dovete dire grazie all’agenzia ma a google che vi regala 100 euro. Se poi vorremmo aggiungere campagne o farne di specifiche, dovremo pagarle a parte.

Nel contratto non si parla di accessi né alle adwords e neanche alle analytics. Una volta al mese ci verrà inviato via mail un report sull’andamento delle visite. Segnalo ancora alle aziende che fanno e-commerce che dalle analytics si può creare un report automatico che viene inviato via mail agli indirizzi che impostati. Quindi non dovete pensare che qualcuno a mano faccia del lavoro per la preparazione del report. E’ un automatismo. Se volessimo avere qualcuno con cui discutere delle analisi si possono sottoscrivere dei contratti con la web agency con incontri mensili a 90 euro l’ora.

4 (e mi fermo qui ma ci sarebbero altre cose da dire) gestione della newsletter. La web agency si occuperà di inviare la newsletter mensile ai clienti iscritti al sito, il tutto compreso nel prezzo.

La newsletter sarà una griglia preimpostata non modificabile in cui dovranno andare tot immagini e tot testi. Il tutto fornito dal cliente. La creazione della newsletter è a carico del cliente che da solo, tramite un comodo editor (e su questo ci faranno 2 ore di formazione gratis) potrà creare la newsletter come vuole e inviarla. Per l’invio si utilizzerà Mail Chimp!…. ma in pratica, la web agency cosa farà?

Il lavoro del consulente di E-CommerceMetterà a disposizione il sistema di invio. …..A ecco. Ora, sempre per consigliare chi fa e-commerce, dovete sapere che i sistemi di invio di newsletter sono quasi sempre gratuiti fino ad un tot di mail da gestire. Ma voi siete nuovi e quindi non avete iscritti… quindi vi stanno regalando una cosa che, sicuramente, è già gratuita. Forse vi stanno regalando le due ore di formazione questo è vero.

Ora, se non ci fossi stato io a mettere i puntini sulle i si sarebbero ottenuti due risultati:

1. L’azienda non sarebbe partita con un progetto di e-commerce = male

2. L’azienda sarebbe partita con il progetto di e-commerce senza sapere cosa avrebbe ottenuto = male

A chi mi chiede che lavoro faccio… ecco, questo è “Il lavoro del consulente di E-Commerce”

Post a Comment