Red Carpet Agenzia di comunicazione a Rimini

Red Carpet – Agenzia di comunicazione

Red Carpet Comunicazione

Dati e-commerce 2015

Dati E-Commerce 2015, crescita… ma non ancora abbastanza!

Leggevo i dati sulla crescita dell’E-Commerce nel 2014 e i vari articoli dei blogger, giornalisti e esperti.

I dati sono quelli rilasciati dall’osservatorio del Netcomm che ormai conosciamo bene.

Nel dettaglio le vendite dell’E-Commerce sono cresciute del 17% con 13,3 miliardi di euro. E’ un numero alto e, a mio parere, importante, specialmente in questo momento. Purtroppo però c’è da dire che, confrontando i dati del resto dell’europa, non siamo davvero arrivati! Anzi, abbiamo ancora tantissimo da fare.

Alcuni sostengono che lo sviluppo delle offerte dedicate al mobile dovrebbero farci rientrare in corsa con il resto dei paesi più interessanti (UK, Germania, Francia). A mio parere non sarà questo, o non sarà solo questo a fare la differenza.

Ma continuiamo con i numeri: il periodo più interessante per le vendite è stato il periodo natalizio con oltre 2,7 miliardi di euro spesi on-line. Di queste vendite una grande parte sono stati veicolati dal mobile con un aumento del 120% rispetto al 2013. Le categorie più interessanti sono state l’abbigliamento, l’informatica (il classico regalo di natale) e poi viaggi, cene, insomma coupon venduti dai tanti siti che hanno sviluppato questo settore.

In generale tutti i comparti sono saliti nell’ultimo anno e i comparti maturi come il turismo, hanno mantenuto il loro zoccolo duro di utenza.

Dati e-commerce 2015Ma è possibile un’ulteriore aumento? Certamente e, secondo molto, i metodi sono conosciuti:
completare l’offerta on-line che ancora trova dei canali non sviluppati a dovere. Leggevo diversi articoli sulla situazione ancora arretrata di e-commerce che vendono fai da te e bricolage, giusto per fare un esempio.

In secondo luogo il continuo sviluppo delle tecnologie mobile sia intese come aumento di accesso alla rete dell’utenza, sia dal punto di vista dei siti che stanno realizzando sempre migliori interfacce per permettere la fruizione dei servizi.

Lo sviluppo della struttura logistica sia grazie ad una più matura consapevolezza dei siti di E-Commerce e del loro approccio al magazzino sia dai nuovi strumenti messi a disposizione dei corrieri e, anche, allo sviluppo di nuovi attori logistici.
Non solo i classici Bartolini, SDA, GLS ma molti altri corrieri nazionali anche pronti con servizi di alto livello e non solo di “spedizioni” ma di vera e propria logistica.

Per finire stanno ancora migliorando le modalità di pagamento che avvicineranno ancora più utenti agli acquisti on-line.

Ora che il quadro è chiaro mi sento di fare una piccola riflessione.

Ogni anno leggiamo dati sul commercio elettronico in aumento nonostante la crisi e la stagnazione che ancora oggi resta la principale causa di un vero salto di qualità ma, continuare a confrontare questi dati con gli altri paesi europei lo trovo un errore.
Non perché non sia interessante fare raffronti, ma fare comparazioni con chi non è nelle nostre condizioni mi sembra davvero fuorviante.
In Germania così come in UK o in Francia, la cultura del web è molto avanti rispetto alla nostra, la gente è abituata a comprare sul web, noi ancora no! In Italia abbiamo ancora moltissimi problemi di banda sia in velocità che in copertura. Se non si migliorano le infrastrutture non possiamo aumentare l’utenza di chi accede alla rete. In Italia, rispetto ad altri paesi, chi fa e-commerce non ha una cultura del web. Molti arrivano ad aprire il proprio e-commerce come ultima possibilità dopo anni di declino dell’azienda credendo di poter risollevare le sorti aziendali. Inoltre non hanno idea dei budget necessari perché utilizzano ancora interlocutori sbagliati. Chi viene a fare dei corsi da me si dimostra, spesso, all’oscuro di moltissimi aspetti che dovrebbe gestire ogni giorno.

Concludendo, a mio parere dobbiamo lavorare sulla nostra cultura del web e sperare nel potenziamento delle infrastrutture e non continuare a fare raffronti con il resto d’europa.

Post a Comment