Red Carpet Agenzia di comunicazione a Rimini

Red Carpet – Agenzia di comunicazione

Red Carpet Comunicazione

Arriva Google Colibrì: cosa aspettarsi?

Arriva Google Colibrì (Hummingbird):
cosa dobbiamo aspettarci?

Ragazzi ci risiamo: Google annuncia un nuovo aggiornamento del suo algoritmo di ricerca dei contenuti… e tutti tremano terrorizzati. Soprattutto i SEO.

A dire il vero questo aggiornamento non sarà un vero aggiornamento. Sarà più una modifica strutturale.

Google ColibrìL’ultimo aggiornamento che ricordo, e che ha fatto passare notti in bianco a diversi amici SEO è stato il Penguin che aveva la funzione di eliminare molto spam e contenuti “fuffa”. Questo aggiornamento sembra che modificherà la qualità dei risultati in SERP.

Come purtoppo sappiamo il lavoro di molti SEO non è quello di migliorare il posizionamento del sito che gestiscono con i metodi previsti da google, ma cercano situazioni “estreme” per “falsare” i risultati e posizionare un sito che non dovrebbe stare in una determinata posizione a discapito di chi dovrebbe starci di diritto.

Insomma, come spesso detto, esistono diversi tipi di SEO e di metodi per posizionare una pagina. Ma come sempre i metodi border line o Black Hat, vengono annullati dagli aggiornamenti di Google e Google Colibrì non sarà da meno.

Ricordiamoci che Google vuole aiutare chi cerca dei contenuti premiando i siti che forniscono buoni risultati, non vuole aiutare i siti che pagano un SEO per scalare le classifiche.

Anche il modo di fare le ricerche è molto cambiato e nelle nostre abitudini siamo passati da una ricerca “auto volvo” e “volvo v60 concessionario rimini”. Siamo passati da stringhe corte, a volte anche fatte da una sola parola, a stringhe più articolate e complesse. Questa evoluzione c’è stata anche perché molti utilizzano smartphone o tablet per le ricerche vengono effettuate utilizzando le funzioni vocali.

Questa differenza avvenuta negli ultimi anni ha prodotto Hummingbird che è il fratello maggiore di Caffeine. Vuole migliorare Caffeine e colmare alcune sue lacune.

Ma cosa dovrebbe cambiare con Google Colibrì?

Basta con i contenuti creati ad hoc. Insomma basta con le pagine che sono una cozzaglia di parole che servivano solo a posizionare la pagina. Si passerà dall’analisi di singole parole all’analisi di frasi anche complesse in modo da capire se quella pagina parla proprio dei quel contenuti ricercato oppure se è stata solo posizionata per uno scopo.

Il Web diventerà sempre più Semantico
grazie a Google Colibrì

Google vorrà sempre più capire e non solo leggere. Ma questo lo sapevamo già no? Chi ha lavorato (che siano SEO o Web Agency) producendo contenuti con il solo scopo di posizionare, chi ha creato micrositi di posizionamento per ricevere un link o cose di questo genere dovrà preoccuparsi parecchio.
Chi, come me, ha sempre lavorato nell’ottica del cliente finale e nel recuperare contenuti specifici e molto dettagliati lavorando sulla qualità e non sulla quantità, non avrà problemi!

Le pagine, per chi non ci ha ancora pensato, dovranno essere sempre più pertinenti… VERAMENTE PERTINENTI e il ruolo dei Copy sarà sempre maggiore. A mio avviso anche superiore a quello dei SEO.

Quello che mi aspetto da questo aggiornamento sarà un vantaggio per tutti quelli che hanno sempre lavorato e lavorano in modo corretto, sia per gli utenti finali che per Google.

Terrò monitorati i miei progetti e, appena vedrò dei cambiamenti, ve li racconterò. Intanto vi consiglio di procuravi un buon Copy se ancora non ne avete uno oppure di pensare ad un bel corso di Copywriting.

 

Post a Comment